Skip to content

Identificazione dei valori venali in comune commercio per le aree fabbricabili

Cos’è

Il valore della base imponibile IMU delle aree fabbricabili è quello in comune commercio al 1° gennaio di ciascun anno. Ciò comporta che il valore di tali cespiti, rispetto agli altri immobili, è soggetto a variazioni frequenti, risentendo dell’approvazione o delle variazioni ai piani urbanistici comunali. Per tale ragione, l’art. 1 co. 777 L. 160/2019 prevede la possibilità per i Comuni di determinare periodicamente e per zone omogenee i valori delle aree fabbricabili al fine di poter disporre di indicatori utili in sede di controllo dei versamenti e offrire contestualmente un riferimento ai contribuenti in fase di autoliquidazione del tributo.

NeoPa offre supporto nella determinazione del valore in comune commercio delle aree fabbricabili così da permettere ai Comuni di dotarsi di una delibera dei valori delle aree fabbricabili aggiornata e predisposta tenendo in considerazione le caratteristiche precipue del territorio comunale, utile ai fini accertativi e di controllo dei versamenti IMU.

Come si svolge

Il servizio si svolge attraverso quattro fasi:

  1. Analisi dell’attuale situazione e valutazioni generali sugli elementi incidenti sul valore delle aree del territorio: sarà presa in esame la disciplina vigente, sia inerente agli aspetti tributari, sia riguardo questioni prettamente urbanistiche. Saranno altresì svolte specifiche valutazioni circa gli elementi precipui che incidono sul valore dei terreni edificabili per ciascun ambito comunale;
  2. Identificazione dei valori medi in comune commercio attraverso l’applicazione di un algoritmo;
  3. Stima a campione dei valori attribuibili ad alcune aree fabbricabili presenti sul territorio comunale al fine di testare il metodo definito al punto precedente;
  4. Stesura della delibera di approvazione in Giunta Comunale.

Quando si attiva

Il servizio ha allo scopo di dotare il Comune di un atto di riferimento inerente al valore delle aree fabbricabili da utilizzare in sede di controllo dei versamenti anche in previsione dell’emissione di atti di accertamento, dunque è attivabile in qualsiasi momento.

 

Per informazioni e proposte personalizzate scrivete a info@neopa.it

Rimani Aggiornato

Il 29 febbraio scorso è stato emanato l'atto di indirizzo del Vice Ministro dell'economia e delle finanze in relazione all'istituto del contraddittorio informato e generalizzato,…

Tramite Deliberazione n. 41/2024, l’Autorità ha avviato un’indagine conoscitiva riguardante i criteri di articolazione dei corrispettivi applicati al servizio di gestione dei rifiuti urbani, con…

Tags: ARERA, TARI, Tariffe

L’istituzione delle componenti perequative, avvenuta con la delibera ARERA 386/2023 nell’agosto scorso, ha lasciato numerose perplessità operative che ad oggi – in vista del loro…

Con il Dlgs 219/2023, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 gennaio 2024, è stata data attuazione agli articoli 4 e 17, comma 1, della Legge…

Come indicato all’interno della Deliberazione 395/2023/A è fissata a lunedì 15 gennaio la scadenza per la compilazione della dichiarazione relativa al Contributo per gli oneri…

Nella seduta odierna l’Aula di Montecitorio ha approvato in via definitiva il disegno di legge di bilancio per l’anno 2024, nel testo già licenziato nei…