Skip to content

Supporto nella riscossione coattiva delle entrate tributarie

Cos’è

Un percorso virtuoso di riscossione coattiva deve avere due obiettivi primari: da un lato il perseguimento dell’equità che si ottiene massimizzando le entrate da crediti certi, attivando tutti gli strumenti consentiti dalla legge; dall’altro la massima trasparenza nei confronti degli uffici che consente un monitoraggio costante dello stato delle entrate e soprattutto delle inesigibilità al fine di ottenere una sana gestione dei crediti a bilancio che poggi su basi certe.

Come si svolge

Il servizio è articolato nelle seguenti fasi:

  1. predisposizione atti di base: aggiornamento delle delibere, regolamenti, circolari;
  2. definizione della banca dati di riferimento: mediante le necessarie estrazioni saranno forniti al nostro team i dati per la predisposizione degli strumenti necessari all’avvio del lavoro;
  3. attività di recupero bonario: attraverso il coinvolgimento del contribuente, realizzato a cura del nostro staff, si procederà ad un primo tentativo di incasso delle somme non pagate. Questa fase è particolarmente delicata e decisamente rilevante in quanto il cittadino viene raggiunto da un sollecito di pagamento contenente i debiti in essere e l’avvertimento relativo a ciò che avverrà nel caso in cui non adempia;
  4. notifica dell’ingiunzione di pagamento: nei casi di accertamenti non ancora esecutivi (emessi fino al 2019);
  5. valutazione delle irreperibilità: occorrerà considerare se procedere alla riscossione coattiva o invece ritenere il credito inesigibile, adeguando contabilmente le poste già iscritte;
  6. rendicontazione degli incassi: a seguito di fornitura di accesso in visione al portale dedicato (es. Poste Italiane) mensilmente sarà fornita al Comune reportistica gli incassi;
  7. valutazioni conclusive e avvio della esecuzione coattiva: in base alla situazione dei pagamenti, delle richieste di rateizzazione e di annullamento, le posizioni dei contribuenti ancora morosi saranno analizzati al fine di individuare i soggetti con situazioni aggredibili.

Quando si attiva

Non vi sono periodi suggeriti per l’attivazione durante l’anno: è comunque sconsigliato un inizio delle attività troppo a ridosso della fine dell’esercizio per non rischiare di incorrere in situazioni di decadenza.

 

Per informazioni e proposte personalizzate scrivete a info@neopa.it

Rimani Aggiornato

La modifica dello Statuto dei Diritti del Contribuente (D.Lgs. 219/2023) ha innovato diversi principi di applicazione generale anche per i Comuni. Le novità inducono a…

In merito alle disposizioni a cui adempiere connesse alla revisione obbligatoria del Piano Economico Finanziario TARI 2024 si segnala che ANAC, rispondendo ad un quesito…

ArrayTags: ANAC, Delibera, PEF, TARI, Tariffe

Con l’approvazione in data 24.05.2024 del testo definitivo del decreto attuativo della riforma delle sanzioni (Legge 9 agosto 2023, n. 111), adottato in attuazione della…

In data 28 maggio u.s. ARERA ha reso noto tramite comunicato consultabile qui la proroga dei termini inizialmente previsti per la compilazione della Raccolta Dati…

Il 18 gennaio scorso è entrato in vigore il D.lgs. 219/2023 che, in attuazione della riforma fiscale, introduce importanti modifiche allo Statuto dei Diritti dei…

Con la riforma fiscale, prevista dalla Legge Delega 111/2023, e la promulgazione dei suoi decreti attuativi, i Comuni sono tenuti ad adeguare i propri ordinamenti…

ArrayTags: Delega fiscale, Webinar