vai al contenuto principale

Riparto dei contributi per approvvigionamento idrico e riequilibrio finanziario

Con due distinti comunicati il Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali ha diffuso i dati relativi al riparto delle risorse per il Fondo per l’approvvigionamento idrico dei comuni isolani ed il Fondo per i comuni che hanno deliberato la procedura di riequilibrio finanziario pluriennale.

Nello specifico, il Decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze 14 aprile 2021, in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, concerne il “Riparto delle risorse del Fondo istituito dall’articolo 1, comma 753, della legge 30 dicembre 2020, n.178, previste in misura pari a 4,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, per l’approvvigionamento idrico dei comuni delle isole minori con popolazione inferiore a 15.000 abitanti”, ed i relativi importi sono riepilogati nell’allegato A al comunicato.

Il 16 aprile è stato invece firmato ed è anch’esso in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il Decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, concernente il “Riparto del fondo di cui all’articolo 53, comma 1, del decreto-legge 14 agosto 2020, n.104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n.126, di 100 milioni di euro per l’anno 2021 e di 50 milioni di euro per l’anno 2022, tra i comuni che hanno deliberato la procedura di riequilibrio finanziario di cui all’articolo 243-bis del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e che alla data di entrata in vigore della presente legge risultano avere il piano di riequilibrio approvato e in corso di attuazione, anche se in attesa di rimodulazione a seguito di pronunce della Corte dei conti e della Corte costituzionale, nonché tra i comuni che alla medesima data risultano avere il piano di riequilibrio in attesa della deliberazione della sezione regionale della Corte dei conti sull’approvazione o sul diniego del piano stesso”. Gli allegati riportano rispettivamente il riparto delle risorse (Allegato A) e la nota metodologica (Allegato B).